fbpx

Granuloma dente: cos’è e come si cura

Quando un’infiammazione dentaria di origine infettiva progredisce (talvolta in maniera del tutto silente) può sfociare in un granuloma.

L’origine di tale condizione spesso si riscontra in una carie profonda trascurata, che evolve in un’infiammazione significativa colpendo la polpa dentale e il nervo.

Questo provoca la formazione di una lesione nella quale i batteri proliferano, invadendo rapidamente l’apice della radice del dente e dando vita a un’infiammazione dell’osso mascellare, circostante la radice, con la conseguente formazione del granuloma.

Granuloma apicale dente devitalizzato: è possibile?

Non è così raro che i denti già devitalizzati possano sviluppare nel tempo un granuloma; questo può verificarsi se all’interno del dente, durante la devitalizzazione, persistono quantità di batteri sufficienti a innescare un’ulteriore proliferazione, dando origine all’infezione e, di conseguenza, al granuloma.

L’assenza di un adeguato trattamento del granuloma può portare a un peggioramento della situazione, trasformando il granuloma in un ascesso accompagnato da dolore intenso, o addirittura in una lesione più grave.

Granuloma dente: come si cura

Ci sono diversi livelli di trattamento del granuloma al dente; inizialmente si procede con l’esecuzione di una devitalizzazione o di un ritrattamento con nuova devitalizzazione in caso di precedente intervento; questo step è fondamentale per affrontare il granuloma.

Esistono poi dei livelli di trattamento successivi, poiché non sempre una devitalizzazione o un ritrattamento, anche se svolti correttamente, possono risolvere completamente il problema.

In tali situazioni è possibile procedere con l’asportazione chirurgica del granuloma insieme a una porzione dell’apice della radice del dente coinvolto (apicectomia).

Se il granuloma evolve in una lesione molto estesa (lesione osteolitica) tale da compromettere il supporto osseo e parodontale del dente nel cavo orale (lesione endo-perio) può rendersi necessaria l’estrazione del dente.

Granuloma dente: sintomi e prevenzione

Prevenire la formazione del granuloma dentale è possibile mediante controlli odontoiatrici regolari.

L’utilizzo di radiografie permette di evidenziare l’eventuale presenza di carie o granulomi, consentendo al dentista di intervenire in modo tempestivo, al fine di ridurre le complicanze.

In sede di controllo è cruciale che lo specialista faccia verifiche accurate, controllando alla perfezione ogni parte del cavo orale, anche gli elementi dentali che non mostrano sintomi evidenti.

Da sempre Odontoaesthetics punta sulle tecnologie moderne per la cura e la prevenzione, affidandosi a tecniche minimamente invasive e a protocolli innovativi e all’avanguardia, efficaci in ogni situazione.

Per rispondere a questa esigenza è nata la scuola M.I.D.A. (Minimal Invasive Dental Academy) che lavora su nuovi protocolli odontoiatrici, affidabili e sempre meno invasivi per il paziente.

Fonte foto: Immagine di tonodiaz su Freepik