In cosa consiste lo sbiancamento dei denti? Quanto dura? Rovina lo smalto?

Per sbiancamento dentale si intende, in generale, qualsiasi trattamento che porta i denti ad apparire più bianchi. Il colore dei denti può dipendere da vari fattori:

• La genetica;

• Il progressivo invecchiamento;

Questi due elementi giocano un ruolo fondamentale, ma ad alterare il bianco naturale possono essere anche alcune patologie, il fumo e le abitudini alimentari (per esempio la frequente assunzione di bevande ricche di pigmenti come the e caffè).

Qualsiasi sia la causa dell’ingiallimento dei denti, lo sbiancamento aiuta a contrastare le discromie e a ripristinare il loro colore originario.

Noi di Odontoaesthics siamo provvisti di tecnologie di altissimo livello che portano a risultati eccezionali a 360 gradi.

Tra le varie tecniche quelle a noi più congeniali sono relative all’utilizzo della Cold Light. Ma di cosa si tratta?

Per sbiancamento con tecnologia cold light si intende un’apparecchiatura composta da più di 12.000 fibre ottiche e da speciali lenti rivestiste con 30 strati filtranti in grado di generare un raggio focalizzato di luce fredda blu-ciano che penetra in profondità nei denti attivando il processo sbiancante, e capaci di rimuovere contemporaneamente, grazie al sistema di filtraggio, i raggi ultravioletti e infrarossi, dannosi per i tessuti, spesso causa di dolore e sensibilità.

Tra le domande più comuni che ci vengono poste dai nostri clienti risultano quelle relative alla durata del trattamento e ai possibili effetti collaterali dannosi per lo smalto.

Quanto dura?

L’effetto ottenuto può durare anche 1 anno qualora il paziente si attenga a un’igiene scrupolosa, si sottoponga a una pulizia dentale regolare ed eviti il più possibile sostanze in grado di macchiare i denti.

Esistono poi innovativi prodotti professionali domiciliari che sono in grado di prolungare il risultato ottenuto! 

Rovina lo smalto?

Lo sbiancamento dentale professionale è una pratica del tutto SICURA per i pazienti, non altera o rovina lo smalto dei denti ed inoltre permette una predicibilità di risultato molto elevata.

Questo perché gli sbiancanti di ultima generazione non fanno più ricorso a ph molto acidi o basici o a reagenti che, disidratando i denti, causavano quella fastidiosa sensazione di sensibilità.

Lo sbiancante agisce sui denti in pochi secondi, assicurando un trattamento non aggressivo, rapido, efficace.

• La genetica;

• Il progressivo invecchiamento;

Questi due elementi giocano un ruolo fondamentale, ma ad alterare il bianco naturale possono essere anche alcune patologie, il fumo e le abitudini alimentari (per esempio la frequente assunzione di bevande ricche di pigmenti come the e caffè).

Qualsiasi sia la causa dell’ingiallimento dei denti, lo sbiancamento aiuta a contrastare le discromie e a ripristinare il loro colore originario.

Noi di Odontoaesthics siamo provvisti di tecnologie di altissimo livello che portano a risultati eccezionali a 360 gradi.

Tra le varie tecniche quelle a noi più congeniali sono relative all’utilizzo della Cold Light. Ma di cosa si tratta?

Per sbiancamento con tecnologia cold light si intende un’apparecchiatura composta da più di 12.000 fibre ottiche e da speciali lenti rivestiste con 30 strati filtranti in grado di generare un raggio focalizzato di luce fredda blu-ciano che penetra in profondità nei denti attivando il processo sbiancante, e capaci di rimuovere contemporaneamente, grazie al sistema di filtraggio, i raggi ultravioletti e infrarossi, dannosi per i tessuti, spesso causa di dolore e sensibilità.

Tra le domande più comuni che ci vengono poste dai nostri clienti risultano quelle relative alla durata del trattamento e ai possibili effetti collaterali dannosi per lo smalto.

Quanto dura?

L’effetto ottenuto può durare anche 1 anno qualora il paziente si attenga a un’igiene scrupolosa, si sottoponga a una pulizia dentale regolare ed eviti il più possibile sostanze in grado di macchiare i denti.

Esistono poi innovativi prodotti professionali domiciliari che sono in grado di prolungare il risultato ottenuto! 

Rovina lo smalto?

Lo sbiancamento dentale professionale è una pratica del tutto SICURA per i pazienti, non altera o rovina lo smalto dei denti ed inoltre permette una predicibilità di risultato molto elevata.

Questo perché gli sbiancanti di ultima generazione non fanno più ricorso a ph molto acidi o basici o a reagenti che, disidratando i denti, causavano quella fastidiosa sensazione di sensibilità.

Lo sbiancante agisce sui denti in pochi secondi, assicurando un trattamento non aggressivo, rapido, efficace.

Share on facebook
Facebook
Share on twitter
Twitter
Share on linkedin
LinkedIn
Share on email
Email